Home Assoluti d'Italia TRICOLORE UNDER23/SENIOR: TITOLI PER DANIELE DELBONO CON LA VENT E FEDERICO ARESI...

TRICOLORE UNDER23/SENIOR: TITOLI PER DANIELE DELBONO CON LA VENT E FEDERICO ARESI NELLA 300 2T

SHARE

Il Campionato Italiano Under23/Senior disputato domenica 9 giugno a Trevozzo (PC), ha laureato anticipatamente i primi campioni 2019 con Daniele Delbono (Vent) neo tricolore della 50 cadetti e Federico Aresi nella 300 2T Junior. Aresi, oltre a vincere la classe, è stato il grande protagonista della classifica assoluta di giornata superando a due speciali dalla fine l’Elite Nicola Recchia (Honda-RedMoto), che gareggiava fuori classifica. La generale di questa quarta tappa vede dunque la vittoria di Aresi, seguito da Mirko Spandre (KTM Sissi Racing) e Giuliano Mancuno (Beta Boano).
Primo titolo nazionale anche tra le squadre, con il KTM Sissi Racing che si porta a casa la classe dei Team Indipendenti Under23 battendo il Team Husqvarna Osellini.

La giornata è stata caratterizzata da un tempo incerto. Partiti sotto qualche goccia d’acqua, i piloti hanno dovuto fare i conti con un violento acquazzone che ha cambiato aspetto delle prove speciali, soprattutto della linea, divenuta molto viscida dopo la pioggia. La stessa prova è stata annullata al secondo passaggio per permettere i soccorsi a Simone Trapletti, caduto mentre affrontava la speciale. Il pilota Gas Gas è stato trasportato in ospedale per accertamenti.
La gara è stata comunque regolare, grazie all’operato dei ragazzi del motoclub Bobbio che hanno allestito e gestito tre belle ed impegnative prove speciali: l’Enduro Test, il Cross Test disegnata su un campo di grano e l’Extreme Test, ricavata in una cava.

Le sfide nelle varie classi sono state molto intense. Se Aresi e Delbono possono mettere in archivio la loro stagione 2019, così non è invece per gli altri concorrenti che dovranno aspettare settembre per conoscere il verdetto definitivo.
Nella Cadetti 125 Simone Cristini (KTM) ha vinto la classe davanti a Leonardo Ravizzola (Yamaha) e Gabriele Pasinetti (Beta).
Nella 125 Junior ad animare la cilindrata sono stati Igor Brunengo (Beta Boano), Jacopo Traini (Beta Entrophy) e Alberto Capoferri (KTM Sissi Racing). I tre terminano la loro gara in soli sette secondi. Nella Junior 250 4t al primo posto si à confermato Silvestro Silvi (KTM) davanti a Giovanni Bonazzi (KTM Sissi Racing) e Marco Bologna (Honda Sicilia), quest’ultimi separati da un solo secondo.
Mirko Spandre (KTM Sissi Racing) è stato il più veloce della 450 Junior, battendo per 17 secondi Enrico Zilli (Husqvarna Osellini); terzo Lorenzo Bazzurri (Beta).
Tra i Senior, nella ottavo di litro il vincitore della quarta tappa è Riccardo Crippa (Yamaha) con Guido Conforti (Huqvarna) al secondo posto e Luca Gualdani (Beta SGS) al terzo. Nella 250 2t Senior la prima posizione va a Filippo Grimani (KTM) davanti a Nicolò Mori (Beta Entrophy) e Francesco Cailotto (Husqvarna), mentre nella 300 Senior si à confermato leader di categoria Luca Marcotulli (Gas Gas,) vincitore con 53 secondi sul diretto avversario al titolo Robert Malanchini (KTM). La terza posizione è occupata da Alessandro Esposto su KTM. Nella 250 4t Senior Nicolò Scarpelli (KTM TNT Corse) conquista la vetta del podio su Mattia Roncaglia (KTM), ai vertici per la maggior parte della gara. Medaglia di bronzo per Michele Musso (KTM).
Bellissima battaglia nella 450 Senior con Andrea Castellana (Husqvarna) vincitore per meno di due secondi su Nicolò Bruschi e per poco più di 10 secondi su Diego Nicoletti (Husqvarna). Infine le Lady hanno visto in Raissa Terranova (Beta SGS) imporsi su Anna Sappino (Beta) e Raffaella Fiamma Cabini (Beta).

Nella classifica dei Motoclub, il Pavia si è imposto tra gli Under23 e il Trial David Fornaroli tra i Senior. Il Team Husqvarna Osellini è risultato primo nelle squadre Senior.

Ora pausa fino a settembre per il Campionato Italiano Under23/Senior Enduro. Per conoscere tutti i nuovi campioni nazionali, l’appuntamento è per il 22 settembre a Costa Volpino (BG).

News: Maxim Monica Mori – Foto: Giovanni Chillemi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here