Home Breaking news ALESSANDRO BOTTURI DAKAR DURA SENZA PAURA NELLA MARATHON DI UYUNI

ALESSANDRO BOTTURI DAKAR DURA SENZA PAURA NELLA MARATHON DI UYUNI

SHARE

“La settima frazione della Dakar 2018 di sabato 13 gennaio da La Paz a Uyuni di 425 km di prova speciale e 302 km di trasferimento. E’ la tappa più lunga e massacrante di questa Dakar 2018”.

Alessandro Botturi continua a ripetere:
“Veramente dura, da non credersi. Ancora una volta partenza alle 4 di mattina e 300 lunghissimi chilometri di speciale. Faceva freddo e mi sono coperto bene. Entrati in speciale è cominciato a piovere. Il terreno oggi era impegnativo. Sabbia, dunette e herbes à chameau. Infine tanto fango con attraversamenti di sentieri diventati fiumi”.
Arrivato al bivacco della tappa marathon di Uyuni intorno alle 16:00 Botturi è andato a farsi una doccia calda.
“Dimenticavo,” aggiunge, “quando è venuto fuori il sole mi sono tolto la cerata e ho chiesto a dei locali di sistemarla. Invece è volata via. Mi sono accorto solo più tardi che avevo il telefono nella tasca”. Il primo pensiero va alla moglie Loredana. Anche la moto è arrivata integrata a Uyuni.
“Adesso lavoriamo sulla moto e poi ci mettiamo a capo fitto sulla preparazione del road book”.

Alessandro Botturi (Yamaha) ha chiuso 22° della speciale, vinta dallo spagnolo della Honda Joan Barreda davanti a Adrien Van Beveren (Yamaha) e Kevin Benavides (Honda). Adesso il pilota di Lumezzane si trova 24° della generale, il primo degli italiani.

Oggi i piloti affronteranno la seconda parte della tappa marathon Uyuni – Tupiza 498 km di prova cronometrata e 87 km di trasferimenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here