Home Breaking news ANCHE L’ENDURO PIANGE IVANO BEGGIO CHE VINSE CON STEFANO PASSERI E STEFAN...

ANCHE L’ENDURO PIANGE IVANO BEGGIO CHE VINSE CON STEFANO PASSERI E STEFAN MERRIMAN

SHARE

Si è spento oggi dopo una lunga malattia a 73 anni Ivan Beggio. Beggio fu l’artefice dei successi sportivi e commerciali dell’Aprilia vincendo anche nell’enduro con campioni del calibro di Stefano Passeri nella classe 125 2T con il Team guidato da Pier Luigi Rottigni e successivamente con l’australiano Stefan Merriman.

Proprio con Merriman, l’Aprilia diede vita a un sogno perchè il campionissimo australiano (nella foto del 2008 al GP d’Italia di Piediluco a Terni) vinse alcune prove del Campionato Mondiale con la bicilindrica veneta, il cui motore venne progettato e realizzato dall’ingegner Ampelio Macchi proprio per volere di Peggio.

Iniziata l’attività imprenditoriale costruendo biciclette, Ivano Beggio da appassionato di fuoristrada fondò l’Aprilia entrando inizialmente nel motocross e nel trial (dove ha vinto) per poi imporsi sempre più a livello industriale negli anni ’80 producendo moto di piccola cilindrata (50 e 125).

Grande successo commerciale ebbe nel 1991 lo Scarabeo e nel 1992 il primo scooter e la prima moto 2T con marmitta catalitica.
Nel 1998 Aprilia entra nel mercato riservato alle moto di grossa cilindrata con la RSV Mille, mentre nel 2000 Aprilia acquisisce i brand Moto Guzzi e Laverda.

Nel 2004 Beggio cede l’Aprilia al gruppo Piaggio restando presidente onorario dell’azienda fino al 2006.
La passione di Beggio per per le corse in moto lo ha visto lanciare piloti del calibro di Valentino Rossi, Max Biaggi, Marco Melandri, Jorge Lorenzo, Loris Reggiani, Alex Gramigni, Roberto Locatelli, Manuel Poggiali e decine di altri. In totale Aprilia ha vinto 56 titoli mondiali nelle varie specialità delle due ruote, tra le categorie piloti e costruttori e 19 titoli costruttori complessivi, con cui si colloca al 4º posto tra le case più vincenti.

GPenduro.com si unisce al dolore della famiglia, dello staff Aprilia e di tutti gli appassionati con le più sincere condoglianze.

 

Isidoro Trapletti: GPenduro.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here