Home Breaking news DAKAR 10 TAPPA: COLPI DI SCENA A RIPETIZIONE IN VETTA ALLA CLASSIFICA

DAKAR 10 TAPPA: COLPI DI SCENA A RIPETIZIONE IN VETTA ALLA CLASSIFICA

SHARE

La Dakar 2018 arriva in Argentina in una giornata ricca di colpi di scena, clamorosi errori di percorso nel finale e cadute drammatiche a pochi chilometri dall’arrivo che danno una nuovo volto alla classifica in un continuo cambio di posizioni. In un autentico turbinio di cambi di posizioni, alla fine la vittoria va all’ufficiale della KTM, Mathias Walkner che passa a condurre anche nella classifica assoluta.  

Oggi martedì 16 gennaio, decima frazione di gara, in Argentina da Salta a Belen, di totali 797 km di cui 373 km di prova speciale. E’ la prima di una serie di tre tappe particolarmente impegnative con la comparsa delle prime dune argentine. Particolarmente difficile l’ultima sezione della speciale caratterizzata da letti di fiumi in secca da attraversare con sabbia e l’altitudine massima che scende a 3100 metri. Nemico numero uno per i piloti, il caldo afoso lungo tutto il percorso in parte inedito e, quindi, non conosciuto, fino a raggiungere l’arrivo nella conca torrida dell’autodromo di San Juan che alcuni anni fa ospitò anche due edizioni del Campionato Modiale Enduro.

CRONACA IN DIRETTA
ARGENTINA ore 09:55 locali. Antoine Meo, già vincitore di due tappe di questa Dakar 2018, è il primo pilota a prendere il via in speciale, dietro di lui seguono; Ricky Brabec, Toby Price e Kevin Benavides.
Ore 10:29 oggi c’è parecchia navigazione. Brabec, partito in al seconda posizione dietro a Antoine Meo, non si fida delle tracce lasciate dal pilota della KTM prendendo una propria direzione tanto che potrebbe anche avere sbagliato in quanto si allontana dalla pista ideale transitando a più di 2 km di distanza da quella che sembra essere il tracciato corretto.

Ore 10:30 per questa prima speciale in Argentina, Kevin Benavides è in gran forma. Secondo nella classifica generale, il pilota della Honda domina largamente dopo i primi 47 km di speciale con un vantaggio di 1’51’’ su Antoine Meo, 1’54’’ su Joan Barreda e 1’56’’ su Adrien Van Beveren. Ricky Brabec, che si era invece perso, transita staccato di ben 18 minuti.
Ore 11:12 Brabec si perde nuovamente lasciando la pista corretta al chilometro 64 e continuando per tre chilometri prima di capire l’errore.
Ore 11:39 Benavides Kevin Benavides mantiene il suo ottimo ritmo con un vantaggio di 2’47’’ sul compagno di squadra Joan Barreda e 3’15’’ su Toby Price. Adrien Van Beveren è più staccato a 5 minuti ed attualmente perde anche la testa della classifica generale in favore di Benavides.

ORE 11.45 idealmente in questo momento la classifica generale vede sei piloti racchiusi nello spazio di 15 minuti così suddivisi: K. BENAVIDES, A. VAN BEVEREN, M. WALKNER, J. BARREDA BORT, T. PRICE, A. MEO, mentre SVITKO è settimo con oltre mezz’ora di distacco.

Ore 11:59 Kevin Benavides passa in prima posizione al CP1 precedendo Toby Price di 3’06’’, Joan Barreda di 3’41’’, Matthias Walkner di 5’32’’, Adrien Van Beveren di 6’28’’ e Antoine Meo di 7’40’’. L’ex endurista argentino della Honda oggi sta veramente viaggiando come un missile rispetto a tutti i suoi avversari.
Ore 13:38 Benavides fa segnare il miglior tempo di passaggio all’Assistenza. Toby Price è secondo a 3 minuti davanti a Adrien Van Beveren che transita a 6 minuti. Joan Barreda è sesto e perde ancora terreno passando distanziato di 9’29’’ dietro a Antoine Meo che è quinto a 9’06”. Brutta notizia in casa Benavides. Luciano, fratello di Kevin non potrà vedere l’arrivo della Dakar; è caduto con la sua KTM al km 219 della speciale rimediando una violenta contusione lombare che lo ha costretto al ritiro.
Ore 14:52 dopo l’Assistenza Antoine Meo, Toby Price e Kevin Benavides iniziano la seconda parte dello speciale caratterizzata da parecchia navigazione tra i fiumi in secca. I tre piloti prendono però una pista sbagliata andando fuori rotta di oltre 3 chilometri dalla carretta direzione.

Ore 14:57 Clamoroso colpo di scena; Antoine Meo, Toby Price et Kevin Benavides sono completamente fuori pista a oltre 10 km dalla corretta rotta.

Intanto il calore è massacrante con i piloti che dopo la pioggia e il freddo dei giorni precedenti, lungo la pista per l’arrivo di tappa a Belén, incontrano una temperatura costante superiore ai 38° all’ombra e di ben 43° al sole.

Ore 15:20 Altro clamoroso colpo di scena. Mentre Antoine Meo, Toby Price e Kevin Benavides sono ancora alla ricerca della giusta pista anche Stefan Svitko, Joan Barreda e Ricky Brabec si perdono seguendo le tracce sbagliate lasciate dai tre di testa.

Non così, invece, Matthias Walkner e Adrien Van Beveren che non sbagliano interpretando nel migliore dei modi le note del road book e con tutta probabilità all’arrivo godranno di un immenso regalo in classifica generale.

Ore 15.45 Tutto il gruppo di testa che si è perso effettua un mezzo giro ritornando sui propri passi verso il punto di partenza della prova dove è stato commesso l’errore di percorso anche se il tempo perso è davvero enorme. Adrien Van Beveren e Matthias Walkner dovrebbero essere gli unici in lizza per la vittoria di questa imprevedibile decina tappa.

MA NON E’ ANCORA FINITA

16:37 Toby Price è in ritardo di ben 50 minuti quando è il primo a transitare dal CP7 dietro Adrien Van Beveren.

16:38 ALTRO CLAMOROSO COLPO DI SCENA: Adrien Van Beveren cade a tre chilometri ad alta velocità dall’arrivo finale mentre stava facendo la migliore operazione per portarsi in vetta alla classifica generale davanti tutti i suoi rivali, ad esclusione dell’austriaco Matthias Walker.

17:02 Van Beveren cerca di ripartire senza però aver successo. Intontito e dolorante per le contusioni riportate, il pilota della Yamaha prova a partire ma dopo alcune centinaia di metri è costretto nuovamente a fermarsi. Il dolore è troppo e deve attendere prima di capire bene cosa decidere di fare.

Ore 17:18 Van Beveren è costretto al ritiro. L’ufficiale Yamaha viene caricato sull’elicottero di soccorso di medico a causa frattura della clavicola destra e per un trauma toracico e un rachide dorsale. Impossibile per lui tentare di portare a termine i 3 chilometri della speciale e vincere la prova e probabilmente anche la vittoria assoluta di questa Dakar.

Ore 17:24 Joan Barreda e Kevin Benavides tagliano finalmente il traguardo della speciale. I due piloti della Honda pagano però molto caro l’errore di percorso commesso. Barreda perde ben 38 minuti su Matthias Walkner, mentre Benavides addirittura 47 minuti.

Domani mercoledì 17 gennaio, TAPPA MARATHON – 11° GIORNATA DI GARA: Belen – Fiambala – Chilecito
Totali: 747 km – Speciale: 280 km

CLASSIFICHE UFFICIOSE 10° TAPPA
1. M. WALKNER KTM in 04:52:26
2. P. QUINTANILLA HUSQVARNA a 00:11:35
3. G. FARRES GUELL KTM a 00:16:21
4. PEDRERO GARCIA SHERCO a 00:21:24
5. JI. CORNEJO FLORIMO HONDA a 00:23:14
6. A. SHORT HUSQVARNA a 00:24:13
7. M. SAMUELS HONDA a 00:24:50
8. D. OLIVERAS CARRERAS KTM a 00:25:25
9. O MENA HERO a 00:29:18
10. J. AUBERT GAS GAS a 00:31:03
11. J. BARRAGAN NEVADO GAS GAS a 00:32:49
12. A. MONLEAO; 13. L. SANZ; 14. J. BARREDA
15. K. BENAVIDES; 16. T. PRICE17. R. BRABEC; 18. S. SVITKO19. A. MEO;

CLASSIFICA UFFICIOSA GENERALE ASSOLUTA DOPO 10° TAPPE

1 WALKNER Matthias AUT KTM in 32:21’03
2. BARREDA Joan SPA Honda +39’42
3. BENAVIDES Kevin ARG Honda +41’23
4. FARRES Gerard SPA KTM +47’46
5. PRICE Toby AUS KTM +50’18
6. MEO Antoine FRA KTM +01:03’35
7. BRABEC Ricky USA Honda +01:21’37
8. SVITKO Stefan SLO KTM +01:25’09
9. QUINTANILLA Pablo CHI Husqvarna +01:30’24
10. AUBERT Johnny FRA Gas Gas +01:40’57
11. CORNEJO José Ignacio CHI Honda +01:49’50

 

Alexis Toni Montero: GPenduro.com
Foto: Honda/Press

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here