Home Breaking news WESS CONFERMA L’APERTURA AL DIALOGO CON LA FIM CHIARENDO IL DISCORSO ASSICURAZIONE...

WESS CONFERMA L’APERTURA AL DIALOGO CON LA FIM CHIARENDO IL DISCORSO ASSICURAZIONE DEI PILOTI ALL’ERZBERGRODEO  

SHARE

Winfried Kerschhaggl, Manager WESS, ha voluto fare alcune considerazioni attraverso il sito www.enduro21.com riguardo alle decisioni FIM per i piloti che nel 2020 vorranno partecipare alle varie prova World Enduro Super Series.

Kerschhaggl dice:
“Non chiuderemo mai le porte alla FIM e saremo sempre aperti per una comunicazione costruttiva. Non inviamo nessuna comunicazione ufficiale WESS per rispondere alla FIM perché penso che non sia professionale in quanto rischieremmo di innescare situazioni successive. La posizione della FIM è di supportare esclusivamente il Campionato del Mondo EnduroGP e di dare vita dal 2021 alla nuova Coppa del Mondo Enduro Estremi. Da parte nostra ribadiamo che ogni evento WESS deve fornire le assicurazioni necessarie richieste dalle autorità locali. Per quanto riguarda l’assicurazione infortuni dei piloti che partecipano alle prove WESS, alcuni organizzatori World Enduro Super Series lo stanno facendo tramite la propria federazione nazionale, mentre altri lo fanno in modo indipendente come ad esempio, XL Lagares o Erzbergrodeo. Considerando il principio prioritario di semplicità delle nostre singole gare, lavoriamo però su una soluzione assicurativa efficace per il 2020, facile da gestire, economica e vantaggiosa per tutti. Questo per gli organizzatori, come pure per i partecipanti. Quando abbiamo creato WESS l’idea originale era di dare vita a un campionato comprendente tutte le forme di Enduro con l’obiettivo di avere il miglior pilota al mondo delle diverse tipologie di enduro. Abbiamo dato vita al WESS per avere: versatilità, resistenza, velocità e capacità di guida ma anche lucidità necessaria per sapere quanto spingere, dove spingere o essere anche aiutati dagli appassionati per vincere il campionato. Questo è quello che non vediamo nel Campionato del Mondo EnduroGP che copre solo la parte tradizionale dell’enduro. Nel 2019, tre eventi WESS su otto sono tradizionali; il Cross-Country a Hawkstone Park, La Trefle e la Solsona. Purtroppo se si parla di WESS vi è l’errata percezione che noi ci concentriamo solo sugli Hard Enduro. Ecco perché dal 2020 per avere un giusto equilibrio, integreremo ulteriori eventi di enduro tradizionali, in modo che tutti i partecipanti abbiano le stesse possibilità di vincere il campionato WESS”.

Un’altra importante dichiarazione su www.enduro21.com la fa Karl Katoch, l’austriaco che ha ideato e organizza da 25 anni l’Erzbergrodeo in Austria.
“KTM e Red Bull sono tutti e due partner di Erzbergrodeo fin da quanto proposi questa manifestazione. Non c’è assolutamente alcuna discussione sul fatto che stiamo seguendo lo stesso percorso in tutte le loro attività. Ecco perché Erzbergrodeo sostiene WESS ed è parte del programma di questo campionato. Come gara indipendente e auto organizzato, l’Erzbergrodeo non è mai stata una gara omologata dalla FIM e pertanto non è influenzata dalla dichiarazione FIM riguardo l’assicurazione delle licenze dei piloti. Da 25 anni l’iscrizione dei partecipanti all’Erzbergrodeo comprende anche un’assicurazione ed è supportata dalla federazione dei motori sportivi di Erzbergrodeo, denominata MSA (Motorsport ASKÖ), inoltre Erzbergrodeo non ha mai chiesto ai concorrenti alcuna licenza e questo rimarrà invariato per il futuro. Considerando che l’Extreme Enduro è stato originariamente inventato proprio dall’Erzbergrodeo, sviluppandosi sempre più positivamente negli ultimi 25 anni, è una cosa molto bella e positiva che la FIM ora stia mettendo il suo interesse su un nuovo campionato Extreme Enduro. Ecco perchè auguriamo alla FIM il miglior successo per questo loro progetto”.

Credit info: www.enduro21.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here