Martedi, 17 ottobre 2017 ore 22:13
 

  14 / 15 ottobre 2017 

  Slovacchia, Gelnica

  4° prova Campionato Europeo Enduro

I news

ANDREA VERONA È CAMPIONE DEL MONDO ENDURO EY

Non si è accontentato di suonare ieri la sua nona sinfonia ottenendo l’ennesima vittoria di un Mondiale Enduro in cui è risultato il grande protagonista della classe EY 125 2T Under 21. Neppure il tempo di assaporare con l’ennesima vittoria che oggi Andrea Verona ha fatto suo matematicamente il Campionato Mondiale della EY grazie ai 22 punti del secondo classificato.

Il diciottenne pilota vicentino del Team TM Joung Satellite con il supporto dal Team Italia della FMI, ha dunque messo al sicuro il titolo iridato. Si è trattato di una gara carica di perché: Verona è stato al comando per oltre metà gara, rischiando però di rimandare la festa per il titolo a causa di una caduta nella seconda speciale estrema nella quale ha perso circa 25 secondi retrocedendo in terza posizione.

Verona ha così affrontato le ultime due decisive prova speciali con rabbia e coraggio riuscendo alla fine a centrare quella seconda posizione che gli ha assicurato la matematica conquista del titolo iridato.

A chi dedichi questa vittoria?
“Alla tutta la mia famiglia. Poi al Team Italia Enduro FMI che mi ha supportato economicamente in questa stagione iridata e alla squadra di Daniele Salucci che ha gestito il Team TM Joung Satellite grazie al sostegno della stessa TM. Uno speciale grazie anche a Antonio Xausa, amico e sponsor personale del grande Mika Ahola che da due anni mi segue portandomi ad allenarmi perché non avevo ancora la patente di guida”.

Nuovamente terzo Davide Soreca (Honda-RedMoto) e sempre leader nelle classifica di campionato della classe EJ, vinta oggi dall’inglese Bradley Freeman (Beta-Boano). Nella EnduroGP si è imposto l’inglese Steve Holcombe (Beta) e nella Enduro2 il suo connazionale Jamie McCanney Yamaha).

 

COSI’ IN CAMPIONATO DOPO 6 GP

EnduroGP: 1. Holcombe (GBR-Beta), punti 259; 2 Larrieu (Fra-Yamaha), 222; 3. Phillips (Aus-Sherco), 202; 4. Watson (GBR-KTM), 200; 5. Nambotin (Fra-KTM), 180; 6. Redondi (Ita-Honda-RedMoto), 154; 7. Guerrero (Spa-Yamaha), 145; 8. Betriu (Spa-KTM) 139; 9. Salvini (Ita-Beta), 120; 10. Charlier (Fra-Husqvarna), 115; 11. Philippaerts (Ita-Beta), 114.

Enduro2: 1. Garcia (Spa-KTM), punti 267; 2. McCanney J. (GBR-Yamaha), 261; 3. Remes (Fin-TM), 237; 4. Raucheneker (Aut-Husqvarna), 204; 5. McCanney D. (GBR-Husqvarna), 166; 6. Stigell (Fin-Husqvarna), Guarneri (Ita-Honda-RedMoto) 154; 8. Oldrati (Ita-Husqvarna), 145; 9. Sanders (Aus-KTM), 142; 10. Barragan (Spa-Gas Gas), 137.

EJ: 1. Soreca (Ita-Honda-RedMoto), punti 244; 2. Freeman (GBR-Beta), 230; 3. Persson (Sve-Yamaha), 208; 4. 4. Mirabet (Spa-Sherco), 170; 5. Cavallo (Ita-Beta), 139; 6. Elowson (Sve-Husqvarna), 137; 7. Francisco (Spa-KTM), 123; 8. Schareina (Spa-Husqvarna), 97; 9. Hanninen (Fin-Husqvarna), 88; 10. Facchetti (Ita-TM), 81.

EY: 1. Verona (Ita-TM), punti 277; 2. Le Quere (Fra-TM), 212; 3. Svard (Fin-Husqvarna), Barbosa (Chi-Husqvarna), 192; 5. Trigo (Spa-Husqvarna), 140.

 

Francisco Nadil: GPenduro.com

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.