Home Sei Giorni STEVE HOLCOMBE RITORNERA’ ALLA SEI GIORNI IN PORTOGALLO CON IL TEAM DELLA...

STEVE HOLCOMBE RITORNERA’ ALLA SEI GIORNI IN PORTOGALLO CON IL TEAM DELLA GRAN BRETAGNA

SHARE

Steve Holcombe (Beta) ritornerà quest’anno a gareggiare alla Sei Giorni in Portogallo come pilota della nazionale della Gran Bretagna.

Steve avrà come compagni di squadra nel Trofeo Mondiale Danny McCanney, Brad Freeman e Joe Wootton, con il team gestito dall’ex pilota enduro Daryl Bolter.

Steve ha partecipato l’ultima volta alla ISDE nel 2013 come pilota del team British FIM Junior World Trophy contribuendo con i suoi risultati a portare la squadra inglese sul terso gradino del podio.
Da allora, durante la sua assenza di sei anni, Steve ha concentrato le sue attenzioni sulle competizioni britanniche, europee e mondiali, assicurando fino ad oggi quattro titoli iridati.

Con la Gran Bretagna che ha vinto l’ultima volta la FIM ISDE nel 1953, Steve sente di avere l’esperienza necessaria per aiutare il Team GB nella sua missione per provare a terminare la sua corsa senza vittorie di 66 anni.

Steve Holcombe:
“Sono davvero onorato di essere stato selezionato per rappresentare la Gran Bretagna nell’ISDE di quest’anno. L’ISDE è una delle più grandi gare dell’anno e come evento a squadre si tratta di correre per l’orgoglio nazionale. Credo davvero che con la squadra che abbiamo quest’anno possiamo andare in Portogallo ed essere seriamente sfidanti. Durante l’ISDE possono succedere molte cose, ma vincere è qualcosa che mi sono impegnato a fare al 100% e so che i ragazzi – Brad, Danny e Joe – si sentono allo stesso modo. È passato molto, molto tempo da quando il Team GB è salito sul gradino più alto del podio ISDE, sarebbe incredibile rimetterlo a posto nel 2019. Personalmente, non sono stato all’ISDE dal 2013 e prima che diventassi un pilota professionista. Ma nonostante sia un divario di sei anni, sento che sto tornando con molta esperienza grazie ai miei quattro titoli mondiali. È una gara unica – e con il Team GB che parte dal retro del campo il primo giorno renderà le cose difficili – ma è anche una lunga gara, so che possiamo migliorare ogni giorno con prestazioni buone e costanti”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here