Home Breaking news DIECI ANNI DI STORIA EMOZIONI: DIECI ANNI DI TRANSANATOLIA RALLY IN TURCHIA

DIECI ANNI DI STORIA EMOZIONI: DIECI ANNI DI TRANSANATOLIA RALLY IN TURCHIA

SHARE

2010-2020: questa la time-line che raccoglie le emozioni di un rally in continua crescita, evoluzione e che quest’anno festeggia il suo 10° compleanno. Un anniversario che rimarrà nella storia …si perché il TranAnatolia Rally vedrà piloti di prim’ordine sfidarsi per 7 lunghi giorni con l’ambizione di scalare il gradino più alto del podio e laurearsi campioni del rally Turco.

 

In un arco temporale di 10 anni di personaggi con la P maiuscola ne sono passati molti, da Gerrard Farres, Helder Rodriguez, Laja Sainz, Joan Pedrero, Marc Sola per arrivare agli Azzurri Alessandro Botturi, Paolo Ceci, Francesco Catanese e ricordiamo che  Paolo Ceci vinse nel 2013 con i colori di Soloenduro, nomi che risuonano a livello europeo e mondiale, nomi che solo a pronunciarli vengono i brividi, nomi degni dell’opera d’arte di matrice off road creata da Burak Buyukpinar e Orhan Çelene la sua crew.
Anche quest’anno il TransAnatolia Rally fa la voce grossa con nuovi stranieri al via del calibro di Xavier De Soultrait, Adrien Van Beveren, il crossista Camille Chapeliere, tutti pronti a spodestare il campione in carica Maurizio Gerini, agguerrito e affamato di nuovo prestigio.

 

Ma i campioni non finiscono certo qui, pronto a fare la differenza su tutti: il fuori classe Jacopo Cerutti, 4 titoli italiani Motorally e ormai da tempo proiettato ai rally internazionali; occhi puntati anche su Paolo Lucci pilota in continua crescita pronto a mettere in difficoltà ogni avversario.
Dopo 5 anni torna a correre anche il gigante di Lumezzane, già titolato in questo rally nel 2014, due Africa Eco Race sulle spalle, ma soprattutto sul gradino più alto del podio, e grinta da vendere. Tra gli italiani per la prima volta a questo rally Fabio Marcaccini insieme al socio Michiel Verstockt di Unit Garage, il lombardo Filippo Colombo, Patron del Museo Dune Motor, che è partito direttamente da Monza in sella alla sua Yamaha Teneré 700 per affrontare il rally alle porte dell’oriente.
In sella a Ducati Multistra 1260 Andrea Rossi altro italiano che ben può figurare alla 10^ edizione del Transanatolia Rally.

Tra le 31 moto al via ritorna anche Francesca Gasperi dopo l’ottima perfomance dell’anno scorso mentre sempre per il tricolore correrà anche Alessandro Petersen. Anche i piloti Turchi si presentano agguerriti sia sulle 2 che sulle 4 ruote artigliate, saranno infatti 14 piloti in sella a motociclette a rendere difficile la vita agli europei nell’evolversi della gara di casa, mentre per gli SSV Cagdas Caglar è pronto a difendere il titolo. Per quanto concerne il panorama auto quest’anno vi è un’ottima presenza di concorrenti: 38 piloti a darsi battaglia tra le varie categorie messe a regolamento dal gruppo TranAnatolia.
Vigilia dedicata alle visite mediche per non abbassare la guardia nei confronti del virus Covid-19; nella giornata di sabato avranno luogo le verifiche tecniche ed amministrative e nel tardo pomeriggio il via alla cerimonia d’inizio nella zona del meraviglioso palazzo di Dolmabahçe, il primo palazzo in stile europeo di Istanbul, costruito dal sultano Abdul Mejid I tra il 1843 e il 1856. Il via ufficiale del rally è previsto per le ore 08.00 di domenica 16.
Ufficio Stampa: soloenduro.it – Testi: Attila Pasi – Foto: Enzo Danesi